Alcune testimonianze sulla capacità di bilocazione di Padre Pio

1) Padre Alberto, che conobbe Padre Pio nel 1917, raccontava: “Vidi parlare Padre Pio fermo presso la FOTO16.jpg (5587 byte)finestra con lo sguardo sulla montagna. Mi avvicinai per baciarli la mano ma lui non si accorse della mia presenza ed ebbi la sensazione che la sua mano fosse irrigidita. In quel momento lo sentii scandire con voce molto chiara la formula dell’assoluzione. Dopo un attimo il padre si scosse come da un assopimento. Rivolto verso di me, mi disse: – Siete qui?, non me ne ero accorto. Qualche giorno dopo arrivò da Torino un telegramma di ringraziamento al Padre Superiore per aver mandato Padre Pio ad assistere un moribondo. Dal telegramma si poté intuire che il moribondo stava spirando nel momento in cui il Padre a San Giovanni Rotondo, pronunciava le parole di assoluzione. Ovviamente il Superiore non aveva inviato Padre Pio presso il moribondo ma Padre Pio vi si era recato in bilocazione.

2) Una signora, moglie di un armatore ligure, era ospite della figlia a Bologna. Sofferente per un tumore maligno ad un braccio, la signora d’accordo con la figlia aveva deciso di farsi operare. Il chirurgo, interpellato,  aveva risposto di avere pazienza e di attendere qualche giorno, quindi sarebbe stata fissata la data per l’intervento chirurgico. Nell’attesa il marito della figlia inviò un telegramma a Padre Pio chiedendo preghiere per la suocera. All’ora in cui il telegramma giunse nelle mani di Padre Pio, la signora, che era sola nel soggiorno della casa della figlia, vide aprire la porta ed entrare un frate cappuccino. “Sono Padre Pio da Pietrelcina” le disse. Dopo averle domandato cosa le aveva detto il chirurgo, e averla esortata ad avere fiducia nella Madonna, il Padre le fece un segno di croce nel braccio, quindi, salutandola, uscì. La signora chiamò la cameriera, la figlia e il genero. Domandò perché avevano fatto entrare Padre Pio senza annunciarlo, ma si sentì rispondere che loro non lo avevano veduto e che, comunque, non avevano aperto la porta a nessuno. Il giorno successivo il chirurgo visitò la signora per prepararla all’operazione, ma non trovò traccia del tumore.

3) Un ex ufficiale dell’esercito, un giorno entrò in sacrestia e guardando Padre Pio disse “Si è proprio lui, non mi sbaglio”. Si avvicinò, cadde in ginocchio e piangendo ripeteva – Padre grazie di avermi salvato dalla morte. In seguito l’uomo raccontò ai presenti: “ero un Capitano di fanteria e un giorno, sul campo di battaglia, in un’ora terribile di fuoco, poco distante da me vidi un frate, pallido e dagli occhi espressivi, disse: “Signor Capitano, si allontani da quel posto” – andai verso di lui e, prima ancora di arrivare, sul posto dove mi trovavo prima, scoppiò una granata che aprì una voragine. Mi girai verso il fraticello, ma non c’era più”. Padre Pio in bilocazione gli aveva salvato la vita.

Alcune testimonianze sulla capacità di bilocazione di Padre Pioultima modifica: 2015-05-15T16:45:46+00:00da francesco-f1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento