LA GUARIGIONE DI UNA GRAVE STENOSI DELLA VALVOLA AORTICA

Testimonianza:
“Mi chiamo Rita Coppotelli, ho 63 anni e  fino al 2002 mi consideravo atea e non credente.
I medici mi avevano diagnosticato gravi malformazioni alle valvole mitraliche e aortiche, anzi quella dell’aorta era già in stenosi, mi muovevo solo accompagnata da altre persone.

Mia sorella Flora invece era molto credente e ogni giorno frequentava il Gruppo dell’Adorazione presso il Coordinamento Diocesano dei Gruppi di Preghiera di Padre Pio. Lei pregava continuamente e faceva pregare per me e per la mia conversione.

Una sera eravamo sedute sul divano e mia sorella voleva il vedere il film su Padre Pio che avevano appena prodotto. Mentre lo guardavamo vidi la scena in cui Padre Pio guariva una bimba cieca senza le pupille e pensai: «Padre Pio ma com’è che aiuti tutti e a me niente?». Poi mi ricordai di una mia amica giovane, madre di tre figli, malata di un tumore, e mi vergognai di quel pensiero. Così mi appisolai sul divano mentre scorreva il film. Nel dormiveglia sentii un forte ed acre odore di tabacco. Mi risvegliai e di botto mi alzai per andare in bagno, senza alcuna fatica. Tutti mi rimproverarono, ma io risposi che mi sentivo bene.

Qualche giorno dopo andai a fare un ecocardiogramma per il ricovero; infatti avrei dovuto essere operata alle valvole del cuore dal prof. Musumeci dell’ospedale San Camillo.

Il radiologo, dopo l’esame, continuava a guardare l’esito con estrema curiosità. Chiamò il primario che ridendo mi disse. «Signo’ e dov’è finita la sua stenosi?». Io commossa risposi: «A San Giovanni Rotondo, da Padre Pio, Professore…».

Da allora partecipo anch’io ogni giorno alla preghiera del gruppo di Padre Pio e sono molto più serena e piena di gioia rispetto al passato. Gesù e Padre Pio hanno riempito la mia vita”.

Testimonianza di Rita Coppotelli

LA GUARIGIONE DI UNA GRAVE STENOSI DELLA VALVOLA AORTICAultima modifica: 2014-10-20T20:04:02+00:00da francesco-f1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento