Bimbo rinato dopo il parto – Miracolo di Padre Pio

La storia singolare di Francesco Paolo raccontata sugli schermi della televisione dedicata al santo con le stimmate.

Un bambino che nasce e che ‘rinasce’ il giorno dopo. E’ la singolare, se non unica, storia di Francesco Paolo, in cui si intrecciano elementi di scienza e di fede, raccontata dai genitori del piccolo il giorno di Natale, su Padre Pio Tv.

Due ore dopo la nascita, avvenuta con parto naturale e regolare presso Casa Sollievo della Sofferenza di San Giovanni Rotondo, il neonato – è detto in una nota dell’emittente tv – dà i primi segni di progressivo sopore accompagnati da crisi epilettiche, a cui è seguito uno stato di coma.

I neonatologi, constatata una diffusa emorragia cerebrale in zona frontale, parietale e temporale destra (che poi si scoprirà essere stata originata da un angioma formato da minuscoli vasi), affidano il caso ai colleghi della neurochirurgia. Il primario, prof.Vincenzo D’Angelo, dopo aver riscontrato che non è stato mai documentato nella letteratura medica del settore un caso di intervento su un neonato di appena un giorno, spiega la situazione ai genitori. La coppia, dinanzi all’alternativa di una morte certa del loro primogenito, esprime il consenso alla terapia chirurgica.

Così, il 17 gennaio 2012, Francesco Paolo viene sottoposto a un delicatissimo intervento.

Ciò nonostante il prof.D’Angelo, assistito da un’equipe composta da neurochirurghi, anestesisti e neonatologi, riesce a rimuovere tutta la massa emorragica e ad asportare integralmente l’angioma. A distanza di quasi un anno il bambino sta bene e non mostra alcun segno neurologico del travaglio vissuto nelle sue prime ore di vita extrauterina. Cresce, dal punto di vista neurologico in maniera normale – afferma il prof.D’Angelo – non ha quei deficit che avremmo trovato in un adulto; il bambino – conclude – avrebbe dovuto avere un’emiparesi sinistra, come minimo.

Bimbo rinato dopo il parto – Miracolo di Padre Pioultima modifica: 2014-04-27T14:56:31+00:00da francesco-f1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento