Il carisma di poter operare guarigioni da parte di P.Pio

Fratelli, la fama di poter operare guarigioni ha sempre accompagnato P.Pio. Anche per questo tanti fratelli sofferenti salivano sul Gargano, sperando di ricevere dal Santo un gesto che dava sollievo o una parola di speranza. 

Spesso, il semplice gesto compassionevole di stendere la mano verso il fratello, per esprimere partecipazione e solidarietà, per dare conforto al suo dolore, si traduceva in beneficio effettivo, a volte immediato. 

Le pagine del Vangelo ci mostrano Gesù, il Santo di Dio, inviato a noi dal Padre come salvatore, che ripete questo gesto: lo fa col lebbroso, con i due ciechi, col sordomuto, col cieco di Betsaida. La gente aveva capito che dalla sua persona usciva una potenza liberatrice, perché quanti lo toccavano, guarivano. Perciò quelli che avevano qualche male gli si gettavano addosso. 

Le scene evangeliche si rividero anche sul Gargano intorno a P.Pio. Il Santo temeva il contatto con la gente in chiesa e se ne lamentava col padre guardiano: “Mi si buttano addosso… Io sono dolorante in tutte le parti del corpo”. Perciò quando usciva dal confessionale, voleva che i confratelli lo proteggessero alquanto, che facessero un po’ di scudo a quel corpo, che portava impresse non solo le stimmate di Gesù, ma che subiva la flagellazione ogni mattina della Santa Messa. 

“I guai della gente”, però, non lo trovavano mai indifferente. Era cosciente che lo Spirito poteva rimetterlo in condizione di lenire il dolore, emanando la forza di Dio, che abitava in lui stabilmente, come in un tempio degno e perfetto. Si è visto al confessionale quanto la sua mano abbia sanato! 

Il carisma di poter operare guarigioni da parte di P.Pioultima modifica: 2013-08-23T13:00:00+00:00da francesco-f1
Reposta per primo quest’articolo